La Triveneta Cavi in visita a K 2019
Posted in   on In Evidenza, Info dal mercato, news lato slider (IT)
Dal 16 al 23 Ottobre La Triveneta Cavi sarà in visita alla fiera K 2019 a Düsseldorf: la fiera più importante al mondo sulle materie plastiche e della gomma!

…Continua

H1Z2Z2-K: LTC presenta il nuovo cavo fotovoltaico armonizzato certificato HAR e CPR

In un contesto mondiale sempre più votato all’energia pulita, il settore del fotovoltaico in Europa sta per vivere un nuovo momento di crescita.

A riprova dei suoi sforzi in termini di ricerca e sviluppo sostenibile, La Triveneta Cavi ha progettato il nuovo cavo fotovoltaico armonizzato H1Z2Z2-K, le cui caratteristiche lo rendono ideale per connettere e portare energia a pannelli di nuova generazione.

Il cavo H1Z2Z2-K è adatto ad installazioni fotovoltaiche nell’industria, negli edifici pubblici, privati e industriali, nei parchi fotovoltaici, nelle illuminazioni e nelle aree di lavoro in generale.

 Il cavo H1Z2Z2-K, certificato HAR e CPR (classe di reazione al fuoco: Eca) è un cavo che offre alti standard di sicurezza essendo non propagante la fiamma e LS0H (Low Smoke Zero Halogen). Vanta inoltre un’elevata resistenza ai raggi UV e alle basse temperature con un ciclo di vita garantito di minimo 25 anni (EN 60216-1). Disponibile nei colori Nero e Rosso.

Caratteristiche del cavo H1z2z2-k

  • Temperatura massima del conduttore 120°
  •  Ciclo di vita garantito: minimo 25 anni (EN 60216-1).
  • LS0H: Low Smoke Zero Halogen
  • Non propagante la fiamma
  • Classe di reazione al fuoco: Eca
- Certificazione HAR
  • Ottima flessibilità per una facile installazione
  • Resistenza ai raggi UV e alle basse temperature
  • Tensione nominale di esercizio
  • AC: 1000V e DC: 1500V
  • Formazioni da 1×1,5mm2 a 1x120mm2
La Triveneta Cavi a MEET |Materiale Elettrico e Tecnologie | BOLOGNA 17/18/19 Ottobre 2019
Posted in   on In Evidenza, Info dal mercato, news lato slider (IT)

Nuova edizione dell’evento fieristico dedicato ai professionisti del settore elettrico: MEET – Materiale Elettrico e Tecnologie.

…Continua

La Triveneta Cavi a MEB IN FIERA|VICENZA 4/5/6 Ottobre 2019
Posted in   on In Evidenza, News aziendali, news lato slider (IT)

Dopo il successo delle precedenti edizioni, MEB in Fiera – ITALIAN EXHIBITIONGROUP SPA Fiera di Vicenza, si è confermato evento di riferimento per il settore con riconoscimenti e soddisfazioni da parte di tutti gli utenti della filiera elettrica.

…Continua

Che cosa sono i cavi Halogen Free?

Basta sfogliare il catalogo de La Triveneta Cavi per vedere che sono decine e decine i cavi Halogen-free presenti nella nostra offerta e quotidianamente richiesti dai grossisti di tutto il mondo. Ma da dove nasce la loro reale esigenza? In questo articolo vogliamo fare un po’ di storia e di analisi del mercato attuale dato che, anche in questo momento, il reparto Ricerca e Sviluppo de La Triveneta Cavi si sta concentrando sulla progettazione di nuovi cavi CPR Halogen Free per garantire sempre più sicurezza negli edifici ad alta densità di persone.

Identifichiamo gli elementi alogeni

Gli alogeni, o elementi del gruppo 17 della tavola periodica, sono Fluoro (F), Cloro (Cl), Bromo (Br), Iodio (I) e Astato (AT). Gli alogeni reagiscono con quasi tutti gli elementi della tavola periodica e formano composti ionici o covalenti che sono spesso usati come materiali di partenza per la sintesi di altri composti, sia inorganici che organici. Tra le applicazioni c’è anche la produzione di materiale isolante, utilizzato nei trasformatori e, ovviamente, nei cavi elettrici.

 

Pericolosità degli elementi alogeni nei cavi

Gli elementi alogeni, in alcune condizioni, possono favorire la propagazione di un incendio e i gas sprigionati rischiano di causare seri danni alla salute. In quantità eccessiva, gli alogeni hanno un effetto immunosoppressore ed indeboliscono le capacità cognitive e di coordinazione delle persone.

Cenni storici sulla pericolosità degli elementi alogeni nei cavi elettrici

Secondo il ben informato blog di www.incore-cables.com, l’evento chiave che fece emergere la pericolosità degli elementi alogeni nei cavi elettrici è stato l’incendio nella stazione metropolitana di Kings Cross a Londra, avvenuto nel 1987. In quella catastrofe morirono 32 persone e le indagini dimostrarono che la maggioranza dei decessi fu dovuta alla tossicità dei gas e al fumo, sprigionati dai cavi elettrici ed inalati dalle persone, piuttosto che alle bruciature o alle fiamme vive. Quella fu l’unica volta in cui, nella metropolitana di Londra, morirono persone a causa di un incendio.

Obbligo dell’utilizzo di Cavi Halogen Free

Come conseguenza dell’incendio alla stazione di Kings Cross, aziende, installatori di cavi ed esperti della sicurezza del settore decisero di non produrre o utilizzare più cavi contenenti elementi alogeni. Presto arrivò l’obbligo dalle autorità che fu esteso non solo alla metropolitana di Londra e alle stazioni in generale, ma a tutti quegli edifici o infrastrutture, pubblici, privati e ad alta densità di persone come cinema, centri commerciali, ospedali, uffici, stadi ecc..

Sviluppo continuo dei cavi Halogen Free

L’obbligo dell’installazione dei cavi Halogen Free a seguito dell’incidente della metropolitana ha rafforzato la crescente attenzione alla sicurezza e proprio negli anni successivi La Triveneta Cavi ha iniziato a produrre i primi cavi LS0H (Trisecur). Il processo di miglioramento della sicurezza negli ultimi anni ha visto l’entrata in vigore del Regolamento CPR (2017). La Triveneta Cavi ha già sviluppato oltre 90 famiglie di cavi certificati secondo il regolamento CPR e continua a svilupparne di nuovi. A breve sarà annunciato il lancio di nuovi cavi Halogen Free che, completando la nostra vasta offerta, andranno a sommarsi a tutti gli altri già presenti a catalogo.

 

HEDTEC FINLAND/SWEDEN in visita a La Triveneta Cavi
Posted in   on In Evidenza, News aziendali, news lato slider (IT)

Ancora una gradita visita qui in sede a La Triveneta Cavi: abbiamo avuto il piacere di accompagnare HEDTEC FINLAND/SWEDEN, presso la nostra sede principale.

…Continua

Il Cavo “resistente a tutto” per le Olimpiadi Invernali è marchiato La Triveneta Cavi

Il marchio La Triveneta Cavi è stato protagonista alle recenti Olimpiadi Invernali in Corea del Sud 2018 che si sono conclusi circa un anno fa.

Grazie al nostro partner di Dubai Cleveland Cable, ben 250 chilometri di cavo H07RN-F, prodotto nei nostri stabilimenti de La Triveneta Cavi, sono stati utilizzati per fornire energia a tutto il complesso sportivo Olimpico Invernale nella contea di Pyeongchang, a 180km dalla capitale Seoul.

Cleveland Cable ci ha recentemente raccontato il successo della grande operazione, a partire da un’asta che richiedeva un unico fornitore di cavo. Il vincitore è stato il nostro H07RN-F: è un cavo che vanta un’ottima flessibilità e una buona resistenza all’abrasione, strappi e lacerazioni, è resistente agli agenti atmosferici, grasso e olio. Può essere utilizzato sia all’interno che all’esterno anche per posa mobile e garantisce operatività fino a -40°C, caratteristica molto importante dato che si tratta di giochi sportivi invernali dove neve e ghiaccio sono l’elemento principale.




Dopo la produzione che si è svolta velocemente e senza intoppi, i container di materiale hanno viaggiato direttamente dall’Italia a Dubai, dove i nostri partner hanno lavorato con abilità e precisione per assemblare cavi e connettori sotto le indicazioni dei loro clienti. Gli ordini del cliente sono stati molto restrittivi non solo in fase di progettazione ma nei tempi e nelle spedizioni. La tabella di lavoro infatti, ha richiesto a Cleveland Cable di fornire il cavo in quantità e tempistiche molto precise e per scaglioni. Oltre a tutto ciò anche il budget ed i costi stimati sono sempre stati rispettati incontrando la soddisfazione del cliente finale e soprattutto la perfetta riuscita di tutte le installazioni dei Giochi Olimpici Invernali 2018.



E’ grande orgoglio per La Triveneta Cavi aver fornito il proprio prodotto, progettato e realizzato totalmente In Italia per la realizzazione di questa grandissima opera di respiro internazionale e che ci ha dato grande visibilità e prestigio nel nostro settore. Ci congratuliamo con il nostro partner Cleveland Cable e ci proiettiamo verso i prossimi grandi progetti che ci attendono nel mondo.

La Triveneta Cavi a Elettricittà 2019 | Bergamo, 10-11 maggio

Manca davvero pochissimo per la manifestazione fieristica dedicata al mondo dell’elettricità, illuminotecnica e nuove tecnologie per il risparmio energetico.…Continua

Test di non propagazione della fiamma su cavo elettrico: confronto fra EN 60332-1-2 e test UL 2556
Posted in   on In Evidenza, news lato slider (IT), News_Slider, Tutorial

I cavi, oltre a soddisfare test meccanici ed elettrici, spesso vengono sottoposti anche prove di comportamento al fuoco (il Regolamento CPR ne è l’evidenza). Il test più comune è la non propagazione della fiamma. Ogni cavo commercializzato infatti deve rispettare alcuni standard di resistenza che variano in base al paese di installazione.

Nel video che abbiamo realizzato presso i laboratori de La Triveneta Cavi vengono illustrati due modalità per effettuare la prova ma secondo paesi diversi che richiedono requisiti differenti del test: quello in vigore nell’Unione Europea, EN 60332-1-2 e quello utilizzato per il Nord America, UL 2556. Entrambi hanno la stessa finalità ma metodologia differente.

Nel test Europeo EN 60332-1-2 il cavo deve sottostare ad una fiamma continua per un tempo determinato in base al diametro del cavo. Nel test americano EN 60332-1-2 invece il cavo deve sottostare ad una serie di cicli dove è applicata e poi tolta la fiamma.

Entrambi i cavi testati hanno superato con successo i due test; è molto interessante osservare visivamente le eccezionali prestazioni del FG17, studiato per resistere in queste dure condizioni con una propagazione della fiamma davvero contenuta.



Visita di SONEPAR ITALIA alla sede di La Triveneta Cavi
Posted in   on In Evidenza, News aziendali, news lato slider (IT)

Ancora una visita da parte di un nostro storico partner! Abbiamo avuto il piacere di ricevere i signori Saggese, Soatti e Zanella di Sonepar Italia.

…Continua